domenica 3 aprile 2011

Tv Popolare, la rivoluzione in diretta. Lettera dal fronte 31/03/2011

Ciao a tutti,

scrivo questa lettera per condividere alcuni passaggi importanti. Vorrei dire molto di piu' ma prendetela come una lettera dal fronte, ne seguiranno altre (forse :) .

Archiviata la fase di creazione del progetto e di creazione del materiale di presentazione (stiamo chiudendo gli ultimi dettagli da pubblicare), stiamo lavorando come matti per porre le basi del lancio della campagna che, in realtà, in modo ufficioso, è già cominciata.

Come ambasciatori (o aspiranti tali) siete parte dell'alchimia fondamentale che lo creerà.

Ambasciatore, per chi non lo avesse chiaro, significa semplicemente portare un messaggio.

Tv popolare oggi non è altro che l'espressione di un messaggio della moltitudine positiva che non ha voce ... e che oggi non ha più paura. Questo è il mio pensiero.

Gli ambasciatori quindi non sono solo portatori di un messaggio, ma lo condividono, lo ampliano, lo sentono nel loro cuore.

Vi chiedo personalmente di fare uno sforzo, di percepire la necessità che abbiamo di serrare le fila e muoverci con forza tutti insieme, ognuno deve cercare di alimentare come può questa scintilla. Almeno quelli che sono consapevoli che un progetto come questo può veramente cambiare qualcosa in positivo.

Ci sono, è vero, come al solito mille problemi, ma è necessario uno sforzo teso verso gli ideali che stiamo perseguendo con questa iniziativa.

Però basta parlare, di parole stiamo affogando ... ora serve azione.

Questo progetto è impostato proprio per consentire di faticare il meno possibile. Il problema vero è stato arrivare fino a qui, per capire come farlo in modo sostenibile e razionale.

Considerando la marea di fango, la negatività, di cui ormai siamo quasi sommersi nella quotianità, tendiamo a dimenticarci delle cose importanti.

Tv Popolare è prioritario.

Ci siamo quindi posti il problema di come rendere questo passaggio quasi naturale, per poi domandarci perchè non l'avessimo fatto prima :)

Oggi si può fare, si può renderla reale, questa è la spaventosa realtà. Dipende, come molto spesso è, solo da noi, dall'azione individuale, che si rifletterà e pervaderà di conseguenza tutto ciò che ci sta intorno, la società civile. E' questo che dobbiamo reimparare. Fiducia, coesione, azione.

Qui, dal fronte, è lampante ormai. Lo era anche prima, con tutte le paure umane del caso, ma continuiamo a riceverne conferma ... siamo pieni di conferme. E allora cosa aspettiamo ? ... Aspettiamo che qualcuno l'accenda per noi ? Io ho sempre creduto e sostenuto che ci vuole una scintilla e che questa attecchisce come nella paglia secca. Questa forse può apparire come una visione idealista (in effetti lo è :), ma ne sono convinto perchè è basata sulla semplice osservazione della realtà. E' vero che c'è tanta sfiducia, ma c'è anche tanto cuore intorno a me, e lo trovo in tanti posti, a Milano, in Italia, nel Mondo.

Se l'adesione a questo progetto è reale, se quello che ti ha spinto ad aderire a questo progetto è un sentimento vero o necessità reale, ora bisogna iniziare a spingere tutti insieme.

Ora.

Adesso. Stasera.

Ma non domani.

Il primo obiettivo è semplice, pensato proprio per andare incontro alle problematiche quotidiane di ognuno di noi: associarsi ed essere parte dei 20.000 cittadini che gli daranno vita. E poi parlarne, promuoverlo, dove possibile, quando possibile, con chi si ritiene utile farlo.

Sono convinto che se ognuno sente il proprio peso, questo produrrà una reazione a catena, come già sta facendo. Ma senza questo passaggio di consapevolezza, senza la partecipazione dell'individuo, nulla nascerà.



Quindi forza, viviamocela meno complicata di quello che è :)

Facciamo questo primo passo insieme ..

www.tvpopolare.it



-----------------------------

NEWS BREVI DELL'ULTIMA SETTIMANA

Oggi siamo in home page oggi su Virgilio Community come blog del giorno http://community.virgilio.it/ - leggete il post http://tvpopolare.myblog.it/ se avete un minuto. Lo segnalo perchè finalmente mi sento rappresentato :) è proprio una bella sensazione ... peccato che sia così raro.

siamo stati in home su dailymotion e ora siamo nella sezione tecnologia http://dailymotion.virgilio.it/video/xhsdtx_tv-popolare-una-televisione-innovativa_tech

ci siamo incontrati con Peter Gomez, il fatto quotidiano .. avremo ampio spazio di visibilità

abbiamo parlato con il gruppo di Pandora Tv .. probabilmente sono dei nostri

abbiamo presentato il progetto a fa la cosa giusta

abbiamo parlato con uno dei fondatori di banca etica

.. il mondo oggi ci osserva con piu' attenzione :) ...

probabilmente parteciperemo a terra futura

stiamo valutando di realizzare la maratona di una giornata in diretta per lanciare a livello nazionale la campagna .. la vorremmo chiamare "oggi non capita tutti i giorni" ... qualcuno dice che non ce la facciamo, stiamo valutando le risorse perchè se la facciamo, vogliamo farla bene.

tutto questo e molto altro ..

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ottima l'IDEA! ma si sà, finché l'idea resta tale sarà grandiosa; ma quando la si vuole realizzare perde la sua grandiosità originale. Perché...? risposta: perché l'uomo è composto da una parte di male e una parte di bene; ma, alla fine, a prevalere saranno sempre gli interessi di alcuni, e mai quelli della massa del popolo,il quale purtroppo seguiterà ad essere, come sempre raggirato! peccato... ma è così. Auguri lo stesso, rocco.

Davide Scalisi ha detto...

.. dal mio punto di vista sbagli. L'unica cosa che rende impossibile la realizzazione è il fatto di ritenerla impossibile.

Ho avuto modo di verificarlo piu' volte nella vita, e credo che sulla massa il discorso sia uguale.

In realtà credo che i problemi della "massa" siano molti altri, ma sicuramente il primo punto da affrontare è l'eliminazione del pensiero "impossibile" dalla nostra testa.
Questo è quello che la storia ti insegna, ma la storia può essere cambiata.

Il secondo problema è quello di assumersi la responsabilità delle scelte che si fanno in questo senso. Ed anche qui, provocatoriamente ti chiedo quanti sarebbero disposti a cambiare il proprio stile di vita a favore di un sistema più "giusto ed equo" .

Comunque ... se non ci si lavora, certamente tutto rimarrà com'è, anzi, potrà solo peggiorare.

Alla fine credo che converrebbe a tutti rischiare un po' di piu'.

Grazie Rocco del tuo pensiero.